Girone A: 🇺🇾🇸🇦 Uruguay-Arabia Saudita 1-0

Suarez esulta per il gol partita

Uno sparo del Pistolero e l’Uruguay è agli ottavi

La Celeste guadagna l’accesso al secondo turno con un gol di Suárez nel primo tempo. L’Arabia Saudita è eliminata. E con questo punteggio va fuori anche l’Egitto.

di GIOVANNI DEL BIANCO

L’Uruguay si aggiudica la partita contro l’Arabia Saudita e guadagna l’accesso agli ottavi di finale. Alla Celeste basta un gol di Suárez nel primo tempo per garantirsi i tre punti, la qualificazione e il primato condiviso con la Russia nel girone A.

D’altro canto la sconfitta costa l’eliminazione all’Arabia Saudita, ancora scottata dai cinque gol subiti nella partita inaugurale contro la Russia. E il risultato si porta dietro anche l’eliminazione dell’Egitto, che aveva ancora una flebile speranza di rimanere dentro il torneo, ma per farlo necessitava del successo arabo contro gli Orientales.

La partita di Rostov non è stata certo indimenticabile. I ritmi sono stati bassi per tutto il tempo e l’arbitro Turpin non ha dovuto minimamente faticare per gestirla (basti un dato: neanche un ammonito in tutta la gara, che pure era un crocevia nelle sorti del girone).

La strada si è messa presto in discesa per i sudamericani, che al 23’ hanno approfittato di un’uscita a farfalle del portiere Al-Owais su un corner calciato da Sánchez: sul pallone si è fiondato Suárez, che ha potuto così celebrare il primo gol in questo Mondiale.

La partita si è trascinata via stancamente, con l’Uruguay che ha sfiorato il bis di testa con Sánchez su cross di Cavani e l’Arabia che ha firmato la presenza giusto con un paio di conclusioni di Bahebri verso la porta di Muslera, che ha passato 90’ comodi comodi.

Senza che i suoi abbiano fatto troppa fatica, Óscar Washington Tabárez si gode il passaggio del turno e cercherà di ottenere il primo posto nella gara contro i russi.
L’undici di Pizzi cercherà di consolarsi all’ultimo turno contro l’altra delusa del girone, l’Egitto.

Intanto, emerge un dato geografico: le prime tre eliminate dalla rassegna iridata (Marocco, Egitto e Arabia Saudita) provengono tutte dal mondo arabo.

IL TABELLINO

Girone A
Rostov sul Don (Rostov Arena), 20 giugno 2018, ore 17
🇺🇾URUGUAY 1
🇸🇦 ARABIA SAUDITA 0
23′ pt Suárez.
URUGUAY (4-4-2): Muslera; Varela, Gímenez, Godín, Cáceres; Sánchez (37′ st Nández), Vecino (14′ st Torreira), Bentancur, Rodríguez (14′ st Laxalt); Suárez, Cavani. Ct: Tabárez.
ARABIA SAUDITA (4-5-1): Al-Owais; Al-Breik, Osama Hawsawi, Al-Bulaihi, Al-Shahrani; Bahebri (33′ st Kanno), Al-Faraj, Otayf, Al-Jassim (44′ pt Al-Mogahwi), Al-Dossari; Al-Muwallad (33′ st Al-Sahlawi). Ct: Pizzi.
ARBITRO: Turpin (Francia).
NOTE: nessun ammonito; recupero: 2’ pt, 4’ st.
DIVISE: Uruguay in maglia celeste, pantaloncini neri e calzettoni neri; Arabia Saudita in maglia bianca, pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi.

IL GIRONE
Russia e Uruguay 6 punti;
Egitto e Arabia Saudita 0.

I PIÙ E I MENO

+ Suárez: basta lo squillo dell’asso del Barça nel primo tempo per fare entrare l’Uruguay tra le prime sedici.
– Al-Owais: i sauditi cambiano portiere, ma non cambia l’esito. La sua uscita a vuoto consente al Pistolero Suárez di appoggiare comodamente in porta.

LE FOTO