Il punto sulla 23ª giornata. Lotta salvezza, c’è anche il Frosinone

La Juve ripristina gli undici punti di vantaggio. Il vero rebus del campionato è dunque nella zona europea, dove vincono tutte tranne la Fiorentina (0-0 col Napoli) e la Samp, clamorosamente stoppata dall’undici di Baroni, ora a soli due punti dal duo Empoli-Bologna

di GIOVANNI DEL BIANCO

Per la terza giornata consecutiva, Juve e Napoli si alternano nei risultati, una pareggia e l’altra vince. La Signora fa il vuoto ripristinando le undici lunghezze di vantaggio, i partenopei restano a metà tra la vetta e il terzo posto. Lo 0-0 di Firenze toglie sapore all’altissima classifica, con un gap profondo che non sembra lasciar spazio a sorprese. L’interesse, dunque, si concentra soprattutto nella corsa europea, dove – su tante, troppe fasce orarie diverse – hanno vinto tutte: la Lazio nell’anticipo di giovedì, la Roma in quello di venerdì, l’Inter in quello di sabato, Atalanta e Torino nella “classica” pomeridana domenicale e il Milan nel posticipo di domenica sera.
La corsa per la Champions League e ancor più quella per l’Europa League – su cui influirà pure l’esito della Coppa Italia – sono dunque i rebus più intriganti che il campionato è chiamato a risolvere, assieme ad una lotta salvezza che dalla Spal in giù vede tutti coinvolti. Per le coppe, il confine tra la qualificazione e il centro classifica è sottilissimo; in coda, invece, il passo è abbastanza lento e così bastano un paio di exploit a cambiare le prospettive dei team coinvolti. Pensiamo al Frosinone, considerato quasi spacciato e ora ad appena due punti dalla salvezza diretta: nella colonna di destra, i ciociari sono gli unici ad aver preso i tre punti in questa giornata. Dopo il 4-0 rifilato al Bologna due settimane fa, l’undici di Baroni – atteso venerdì sera dalla Juventus – ha ottenuto una prestigiosa vittoria sul campo della Sampdoria, rilanciando le proprie ambizioni. La terza rete stagionale di Ciofani ha permesso un exploit inatteso, complice una Sampdoria assente e mai in partita.

Vediamo i migliori del turno, in una giornata che non ha visto marcatori multipli. Di certo, tra i top c’è il portiere Sirigu, determinante nel successo del Toro sull’Udinese con il quinto rigore parato sugli ultimi sette calciati verso la sua porta (questa volta, il calciatore neutralizzato è stato il friulano De Paul); menzione per Lautaro Martínez, a segno nel finale a Parma e determinante nel successo ritrovato da parte dell’Inter, dopo i due ko con Torino e Bologna; sta già strappando applausi il brasiliano Paquetá, per la prima volta a segno con la maglia del Milan (commovente la dedica alle vittime del Flamengo, club da cui proviene); non è più una novità, ma continua a colpire l’impressionante continuità di Duván Zapata, autore di un assist e di un gol nella rimonta dell’Atalanta sulla Spal, che si era pure portata avanti con l’ex Petagna (tre reti alla sua vecchia squadra tra andata e ritorno); altro autore di una rete e di un assist nello stesso match è il bosniaco Edin Džeko, finalmente tornato su alti livelli (un bel segnale in vista degli ottavi di Champions contro il Porto); segnatura e assist anche per Cristiano Ronaldo, che ha propiziato anche la prima rete bianconera, che ci presta il fianco per passare ai bocciati di questo week-end. Dietro la lavagna, infatti, inseriamo il portiere del Sassuolo Consigli: da un suo rinvio sballato è nato il gol di Khedira, che ha messo in discesa il match contro i Campioni d’Italia (inoltre si fa anche anticipare da Cristiano Ronaldo, completando amaramente un incontro da dimenticare). Brutta giornata, come detto, anche per l’attacco doriano, impalpabile contro il Frosinone (e c’era attesa per la prima da titolare di Manolo Gabbiadini). E in tema di attaccanti, sta diventando sempre più un caso Mauro Icardi: vero che la sua Inter questa volta ha vinto, ma resta il fatto che lui non segna da sette partite. Domenica prossima, avrà contro proprio la sua ex Sampdoria, la sua vittima preferita. Occasione ideale per ripartire.

Giovanni Del Bianco
@g_delbianco

LA GIORNATA

I risultati:
giovedì 7 febbraio, ore 20.30: Lazio-Empoli 1-0; venerdì 8 febbraio, ore 20.30: Chievo-Roma 0-3; sabato 9 febbraio, ore 18: Fiorentina-Napoli 0-0; ore 20.30: Parma-Inter 0-1; domenica 10 febbraio, ore 12.30: Bologna-Genoa 1-1; ore 15: Atalanta-Spal 2-1, Sampdoria-Frosinone 0-1, Torino-Udinese 1-0; ore 18: Sassuolo-Juventus 0-3; ore 20.30: Milan-Cagliari 3-0.

La classifica:
Juventus 63; Napoli 52; Inter 43; Milan 39; Atalanta, Roma e Lazio 38; Torino 34; Sampdoria 33; Fiorentina 32; Sassuolo 30; Parma 29; Genoa 25; Spal 22; Cagliari 21; Udinese 19; Bologna ed Empoli 18; Frosinone 16; Chievo* 9.
*Il Chievo ha 3 punti di penalizzazione.