Girone C: 🇩🇰🇦🇺 Danimarca-Australia 1-1

Capitan Jedinak concede il bis dopo il gol su rigore alla Francia: 1-1

Un pari che serve a poco

Danimarca e Australia impattano per 1-1. Succede tutto nel primo tempo: apre la formazione di Hareide con Eriksen, risponde Jedinak su rigore

di GIOVANNI DEL BIANCO

Un pareggio che serve a poco, quello tra Danimarca e Australia. I danesi, dopo la vittoria contro il Perù, salgono a quota 4, ma devono ancora giocare contro la Francia e quindi non possono ancora dirsi al sicuro. Gli australiani dal canto loro non sono ancora eliminati, ma restano nei guai, avendo collezionato un punto in due partite. L’olandese Van Marwijk attende davanti alla tv l’esito della partita tra Francia e Perù per studiare la giusta combinazione di risultati.

È la Danimarca a passare in vantaggio, grazie a un tiro al volo di potenza di Christian Eriksen, che ha sfruttato al meglio il bel pallone lavoratogli da Jørgensen: un grande gol, con Ryan che nulla ha potuto sulla violenta sassata del fantasista del Tottenham.

Poi, la palla è passata all’Australia, che ha creato più degli avversari, ma là davanti è mancato qualcuno che la buttasse dentro. Infatti, come contro la Francia, la marcatura dei Socceroos arriva su un calcio di rigore, ancora una volta trasformato dal capitano Jedinak, che sale dunque a quota due reti. Un penalty accordato con il Var: l’arbitro Mateu Lahoz aveva fatto continuare il gioco e la palla era già finita nell’altra metà campo quando ha fermato l’azione per andare a visionare il monitor.

Il secondo tempo ha visto un predominio degli oceaniani e alla fine il punto va stretto più a loro che non agli scandinavi, incapaci di cambiare ritmo a una partita che aveva cambiato padrone. Mooy, Rogic e, nel finale, Leckie si sono fatti vedere pericolosamente dalle parti di Schmeichel, ma il punteggio non è più cambiato. Ad Eriksen e compagni resta solo il rammarico di un contatto Jedinak-Poulsen in area di rigore che lascia qualche dubbio. E poco altro. Per la Danimarca, il discorso qualificazione è rimandato.

IL TABELLINO

Girone C
Samara (Cosmos Arena), 21 giugno 2018, ore 14
🇩🇰 DANIMARCA 1
🇦🇺 AUSTRALIA 1
7’ pt Eriksen, 38’ pt rig. Jedinak.
DANIMARCA (4-2-3-1):
Schmeichel; Dalsgaard, Kjær, Christensen, Larsen; Delaney, Schøne; Poulsen (14’ st Braithwaite), Eriksen, Sisto; N. Jørgensen (23′ st Cornelius). Ct: Hareide.
AUSTRALIA (4-2-3-1): Ryan; Risdon, Sainsbury, Milligan, Behich; Jedinak, Mooy; Leckie, Rogic (37′ st Irvine), Kruse (23′ st Arzani); Nabbout (30′ st Juric). Ct: Van Marwijk.
ARBITRO: Mateu Lahoz (Spagna).
NOTE: ammoniti Poulsen e Sisto; recupero: 2’ pt, 3’ st.
DIVISE: Danimarca in maglia bianca, pantaloncini rossi e calzettoni bianchi; Australia in maglia verde, pantaloncini verdi e calzettoni verdi.

IL GIRONE
Danimarca 4 punti; Francia 3; Australia 1; Perù 0.

I PIÙ E I MENO

+ Eriksen: pochi giocatori sono così indispensabili nelle sorti della propria squadra come lui. Col Perù aveva realizzato l’assist, oggi la rete (negli ultimi 20 gol danesi, in 14 di questi lui ha partecipato segnando od offrendo il passaggio). Dà fastidio tra le linee, specialmente nel primo tempo.
+ Leckie: molto dinamico, è uno dei calciatori più pericolosi dei Soccerooos. Poulsen colpisce di mano su un suo tocco. Si crea anche un’occasione da gol, di testa.
+ Arzani: entra al 68′ e fa aumentare il rammarico al suo Ct per non averlo inserito prima. Il giocatore più giovane del Mondiale si rivela una freccia pericolosa.

– Poulsen: il suo tocco di mano sfugge all’arbitro ma non al Var. Un braccio largo che costa il rigore e l’ammonizione che lo terrà fuori dall’ultima gara dei gironi. Anche contro il Perù aveva causato un rigore, poi fallito dai sudamericani.
– Sainsbury: balla un po’ troppo e a momenti rischia l’autorete.

LE FOTO