Ottavi di finale: 🇧🇷🇲🇽 Brasile-Messico 2-0

O Ney stende il Messico

Il Brasile elimina i messicani con due gol nella ripresa: a segno Neymar e Firmino. Per El Tricolor continua la maledizione degli ottavi.

di GIOVANNI DEL BIANCO

Nel Mondiale delle stelle cadenti ce n’è una che continua a brillare, quella di Neymar, che si carica il Brasile sulle spalle e lo aiuta a scavalcare l’ostacolo rappresentato dal Messico.

I brasiliani raggiungono i quarti di finale con pieno merito e continuano a sognare in grande: la squadra è quadrata, concede poco dietro ed è letale davanti. Tite attende ora l’incontro tra Belgio e Giappone per conoscere il nome del prossimo avversario, che sarà affrontato senza Casemiro, ammonito e squalificato.

Nell’astronave di Samara le reti arrivano entrambe nella ripresa, una in apertura e una in chiusura di tempo. Due segnature per altro molto simili, con un passaggio proveniente da sinistra e il marcatore che deposita a porta sguarnita. Cambiano solo gli interpreti: nell’1-0 è Willian a servire Neymar, che trova l’appuntamento col gol (il secondo in questo Mondiale russo) in scivolata; nel raddoppio Neymar indossa i panni dell’assistman e confeziona il gol di Firmino, entrato in campo da un paio di minuti.

Un 2-0 che ci sta tutto, perché già nel primo tempo le occasioni migliori le aveva create la Seleçao, ma Ochoa era riuscito a tenere in piedi la sua squadra.

Il Messico ha fatto quel che ha potuto contro una nazionale di maggiore spessore, provando a rendersi pericoloso più volte nei primi 25’. Poi il Brasile ha preso le contromisure e si è impossessato del match. Una volta in svantaggio il team di Osorio ha costruito troppo poco per raddrizzare il match, alzando bandiera bianca. Per la compagine centroamericana continua il tabù degli ottavi di finale: El Tricolor esce a questo turno per la settima edizione consecutiva (tutte quelle giocate da Usa ’94 in avanti).

IL TABELLINO

Ottavi di finale
Samara (Cosmos Arena), 2 luglio 2018, ore 16
🇧🇷 󠁧󠁢󠁥󠁮󠁧󠁿BRASILE 2
🇲🇽 MESSICO 0
6′ st Neymar, 43′ st Firmino.
BRASILE (4-2-3-1): Alisson; Fagner, Thiago Silva, Miranda, Filipe Luís; Casemiro, Paulinho (35′ st Fernandinho); Willian (46′ st Marquinhos), Coutinho (41′ st Firmino), Neymar; Gabriel Jesus. Ct: Tite.
MESSICO (4-3-3): Ochoa; Álvarez (10′ st J. Dos Santos), Ayala, Salcedo, Gallardo; Herrera, Márquez (1′ st Layún), Guardado; Vela, Hernández (15′ st Jiménez), Lozano. Ct: Osorio.
ARBITRO: Rocchi (Italia).
NOTE: ammoniti Álvarez, Filipe Luís, Herrera, Casemiro, Salcedo e Guardado; recupero: 0’ pt, 6’ st.
DIVISE: Brasile in maglia gialla, pantaloncini blu e calzettoni bianchi; Messico in maglia verde, pantaloncini bianchi e calzettoni rossi.

I PIÙ E I MENO

+ Willian: serve Neymar in occasione del primo gol. Inoltre quando prende e parte, si rivela irresistibile per i messicani. Chissà che dopo alcune gare così così non sia decollato il suo Mondiale.
+ Neymar: peccato per quelle solite e patetiche sceneggiate che fa ad ogni contrasto. Ma anche oggi è decisivo, con un gol e un assist. Anche il primo gol, quello segnato da lui, nasce dai suoi piedi, con un passaggio di tacco da applausi per Willian.
+ Miranda-Thiago Silva: la coppia di centrali è affiatata e sta chiudendo tutti gli spazi avversari. Il Brasile non ha ancora incassato un gol su azione in tutto il Mondiale.
+ Ochoa: senza colpe nei due gol, si fa trovare pronto sulle conclusioni di Neymar e Gabriel Jesus nel primo tempo, di Coutinho, Paulinho e Willian nel secondo. Otto parate per lui nei 90′: il record del Mondiale appartiene… sempre a lui, che ne fece nove contro la Germania!

– Gabriel Jesus: l’attaccante del City delude anche oggi. Si vede solo per un paio di conclusioni, una parata da Ochoa e una sbilenca terminata fuori. E Firmino scalpita.
– Hernández:
lo si nota più per i capelli biondi che per l’apporto alla sua squadra. Bocciato.

LE FOTO